Si possono trattare pazienti che si sono sottoposte ad un filler?


Assolutamente si, anzi l'utilizzo combinato di Radiofrequenza e Filler risulta particolarmente efficace per un risultato finale complessivamente ottimale: recupero di tonicità, compattezza e luminosità della pelle e "spianamento" delle rughe.

La cosa fondamentale è la sequenza: prima si devono effettuare 4 o 5 trattamenti di Radiofrequenza e successivamente procedere all'infiltrazione con il filler; la pelle in questo modo risulterà più idratata, più luminosa e “preparata” alla metabolizzaione del riempitivo del filler.

Nel caso il/la paziente si siano già sottoposti ad un trattamento con filler, è opportuno attendere almeno due mesi prima di procedere con un trattamento di Radiofrequenza: l’acido ialuronico ad esempio, è uno zucchero che trattiene acqua e si scioglierebbe con il calore endogeno indotto dalla radiofrequenza.


Si possono trattare pazienti con la Couperose?


Si, prestando particolare attenzione. La couperose è caratterizzata da una sensibilità accentuata della cute e da un particolare stato del microcircolo.

L’utilizzo della radiofrequenza ATR-Med con la combinazione del programma lenitivo e l’utilizzo di una potenza ridotta (max 15%) permettono di ottenere un effetto schiarente fin dal primo trattamento.

Con il susseguirsi delle sedute si osserva un miglioramento che diventa sempre più stabile.